e-Mobility

Firmato il protocollo per l'installazione di stazioni di ricarica Enel X per veicoli elettrici




 

Sempre più italiani si stanno affacciando al mondo delle auto elettriche. I motivi principali sono da ricercare nella consapevolezza che il tasso di inquinamento è a dir poco ad un livello critico. Se la problematica inizia ad esser sentita da tutti, la possibilità di risolverla con rapidità è ancora difficile. L’assenza di infrastrutture è un ostacolo che in Italia fa fatica ad esser superato. È con questa consapevolezza, accompagnata da una sferzata di entusiasmo, che ben sette comuni del territorio vesuviano hanno voluto lanciare pochi giorni fa un forte segnale positivo all’intero Sud Italia sottoscrivendo con Enel X, unità della ben nota multinazionale dedicata allo sviluppo di prodotti innovativi e soluzioni digitali per lo sviluppo ecosostenibile, un protocollo di intesa per l’istallazione di 24 colonnine di ricarica per il rifornimento di veicoli elettrici. Un passo sicuramente incisivo che segna due percorsi importanti: voglia di cooperazione e coesione, al di là di colori politici, dinnanzi a sfide attuali e interesse alla tutela ambientale per la salute non solo dell’ecosistema ma delle intere comunità che vivono attivamente il territorio vesuviano.
Con il cooordinamento virtuoso tra UCSA – Ufficio Comune per la Sostenibilità Ambientale – sempre in prima linea nelle scelte strategiche ambientali sull’area vesuviana, ed i comuni di Striano, Palma Campania, Terzigno, Somma Vesuviana, San Giuseppe Vesuviano, Poggiomarino ed Ottaviano, il Patto Intercomunale prende vita nell’ottica di un progetto di più ampio respiro: promuovere azioni che soddisfino obiettivi ambientali, energetici e di adattamento ai cambiamenti climatici, quali la sensibilizzazione verso la mobilità sostenibile ( Vesuvian Bikes Village ). Tutte azioni necessarie per contrastare la dipendenza da fonti energetiche non rinnovabili a favore dell’educazione alla tutela dell’ambiente che ci circonda.

Seguici su facebook